VI Cungressu Natzionale: eletta la Presidente e la Segreteria del Partito

L’Assemblea Natzionale di Progetu Repùblica de Sardigna, riunita nel “VI Cungressu Natzionale” ad Aritzo e Belvì nella seconda giornata di lavori congressuali, ha approvato la tesi congressuale “Resistenza, Ricomposizione, Rilancio” che detterà la linea politica del Partito indipendentista da qui al prossimo congresso ed eletto le cariche nazionali.

Tra le tematiche discusse dall’assemblea congressuale di ProgReS hanno avuto ampio risalto quelle riguardanti i rapporti con le altre forze politiche del nazionalismo sardo – in particolar modo con quelle dell’indipendentismo repubblicano – e le tematiche inerenti la situazione politica attuale nell’isola: spopolamento, occupazione militare, speculazione energetica, commercio, industria, trasporti, lingua e cultura.

Sul fronte interno all’organizzazione – oltre alla già citata ricomposizione dell’area repubblicana dell’indipendentismo – si sono affrontate tematiche riguardanti il rilancio del Partito e del Nazionalismo sardo nel periodo post-pandemico, la riorganizzazione interna, il rilancio dell’attivismo la questione di genere e quella del ricambio generazionale.

In conclusione dei lavori sono state elette le cariche nazionali del Partito: alla Presidenza è stata eletta Sarah Poddighe – già membro dell’Esecutivo Natzionale uscente – ed è Stato confermato il Segretario Natzionale, Adriano Sollai.

La Segreteria Natzionale sarà coadiuvata nella guida politica del Partito dal Responsabile Organizzazione Nicola Meloni che aveva già ricoperto il ruolo fino al precedente congresso del 2019, dal riconfermato Simone Lisci come Responsabile della Comunicazione, da Lucio Porcu che ricoprirà il ruolo di Responsabile della formazione e dal nuovo Tesoriere Natzionale del Partito Giacomo Loi.

Entro il prossimo mese la Presidenza e la Segreteria saranno affiancati nell’Esecutivo Natzionale dai rappresentanti territoriali eletti nei congressi dei TzdA (Tzentru de Atividade) i centri di attività locali del Partito.

Resoconto della sessione pubblica del 10 luglio:

Nella prima giornata di lavori, il 10 luglio, si è tenuta la sessione pubblica del congresso: ha aperto i lavori il Presidente uscente del Partito Luigi Todde che, ringraziando gli attivisti per il lavoro svolto, ha ricordato le difficoltà che anche l’attività politica di ProgReS ha affrontato per via della situazione sanitaria e relative restrizioni iniziate pochi mesi dopo l’ultimo congresso tenutosi a Bauladu nel dicembre del 2019.

A seguire sono intervenute le delegazioni di partiti, movimenti politici e associazioni che hanno voluto portare un saluto ed un contributo propositivo in vista sia dei lavori congressuali che del prossimo futuro del movimento di liberazione nazionale sardo; sono intervenuti Frantziscu Pala delegato del coordinamento “Torra!” e Gavino Sale di iRS, organizzazioni politiche con cui Progetu Repùblica ha avviato lo scorso Maggio un processo di dialogo tra indipendentisti repubblicani.

Hanno portato il loro contributo al dibattito svolto ad Arìtzo le organizzazioni politiche Sardigna Natzione, Meris, Comunidade, EFA – European Free Alliance e le associazioni Lingua Bia, Assemblea Natzionale Sarda e “Corona de Logu”; hanno inviato dei messaggi di saluto anche le organizzazioni che non hanno potuto presenziare con dei delegati: l’associazione Sardegna-Palestina, Sardegna Possibile e LibeRU.

A conclusione della prima giornata del congresso di ProgReS l’intervento del Segretario Natzionale del Partito, Adriano Sollai, che ha voluto ringraziare i presenti ribadendo la scelta di aver voluto fortemente fare un incontro in presenza dopo il lungo periodo di distacco nelle relazioni personali e politiche dovuto alla crisi sanitaria; il Segretario ha sottolineato come l’attività del Partito in questo anno abbia comunque portato a dei frutti quali la ricomposizione dell’area del nazionalismo repubblicano che vuole essere un punto di rilancio dello stesso dopo un periodo di resistenza dovuto alle circostanze che abbiamo vissuto.