Progetu Repùblica de Sardigna - ProgReS

Cambiare lo Statuto per cambiare la Sardegna. Semus una natzione e tenimus su deretu de detzìdere

La politica unionista, come avviene ciclicamente, rispolvera il tema della riscrittura dello Statuto che regola l’autonomia della RAS rispetto allo Stato italiano.
Per l’indipendentismo l’approccio a questo tema ha fisiologicamente una sua impostazione particolare.

Riscriviamo lo Statuto. Insieme.

Finché il Popolo Sardo continuerà a farsi rappresentare dai partiti italiani o da movimenti politici locali che hanno assimilato il modus operandi affaristico e subalterno del periodo autonomistico, nulla potrà mai cambiare nella condizione di sottosviluppo funzionale agli interessi Italiani.

Non è stata la “Costituzione più bella del mondo” a salvare l’Isola dagli scempi di uno sviluppo industriale di matrice coloniale, così come dall’occupazione militare della terra e del mare sardo per i giochi di guerra, né – la stessa Costituzione – ha impedito che la Sardegna diventasse una delle regioni più povere d’Europa, con i più alti tassi di spopolamento, dispersione scolastica e disoccupazione.

Progetu Repùblica rispetta la scelta di coloro che nel referendum hanno votato contro la riforma al fine di non vedere ulteriormente ridotto lo spazio di autonomia dalla revisione del Titolo V. Tuttavia prende atto con rammarico che anche Partiti che si definiscono indipendentisti hanno seguito lo schema della propaganda unionista, appiattiti sulle posizioni italiane contrarie alla riforma, nonché incapaci di rilanciare un imprescindibile dibattito sulla riscrittura dello Statuto Sardo.

A tal proposito si ritiene indispensabile per il futuro della Sardegna che si dia prontamente inizio ad una Fase Costituente per la riscrittura dello Statuto Sardo, ormai inadeguato alle esigenze attuali. Attraverso un processo partecipato che dovrà coinvolgere i cittadini nell’aggiornamento della Carta Fondamentale dei sardi, sarà necessario ridefinire i rapporti con lo Stato italiano e ampliare le competenze dell’Isola in tema di fiscalità, istruzione, energia, welfare e beni culturali. Uno Statuto che dia dignità al Popolo sardo, basato su tre principi irrinunciabili:

  • il riconoscimento della Nazione Sarda;
  • la co-ufficialità della lingua sarda e delle altre lingue di Sardegna;
  • il diritto a decidere (autodeterminazione nazionale).
  • Per questo storico quanto ineludibile obiettivo, Progetu Repùblica de Sardigna invita i rappresentanti dei Partiti Nazionali (autonomisti, sovranisti e indipendentisti), gli intellettuali isolani e tutti i sardi alla pianificazione di un percorso partecipato per la riscrittura dello Statuto della Sardegna, in modo che dai quattro angoli dell’Isola giunga fino al Consiglio Regionale la volontà popolare di un nuovo corso politico, sociale ed economico della Nazione Sarda.

Torramus a iscrìere s’Istatutu. Impare.

Fintzas a cando su Pòpulu Sardu at a sighire a si fàghere rapresentare dae is partidos italianos o dae is movimentos polìticos locales chi ant fatu issoro sa manera de fàghere afarìstica e subalterna de su perìodu autonomìsticu, nudda at a pòdere cambiare in sa cunditzione de suta-isvilupu chi faghet is interessos italianos.

No est istada sa “Costitutzione prus bella de su mundu” a sarvare s’ìsula dae is dannos de un’isvilupu industriale de matritze coloniale, aici comente dae s’ocupatzione militare de sa terra e de su mare sardos pro is giogos de gherra, e nemmancu – sa Costitutzione etotu – at impedidu chi sa Sardigna si torressit a una de is regiones prus pòberas de s’Europa, cun is tassos prus artos de ispopolamentu, isbandonu iscolàsticu e disimpreu.

Progetu Repùblica rispetat s’issèberu de cussos chi ant votadu contra a sa riforma in su referendum cun sa punna de non bìdere minimare ancora de prus s’ispàtziu de autonomia dae sa modìfica de su Tìtulu V. A dolu mannu, però, bidimus chi fintzas is Partidos chi si narant indipendentistas ant sighidu s’ischema de sa propaganda unionista, alladiados a pitzus de is positziones italianas contràrias a sa reforma, e non sunt istadas bonas a torrare a abèrrere sa dibata a pitzus de s’iscritura de unu Istatutu Sardu nou.

A pitzus de custa chistione pensamus chi siat indispensàbile pro su benidore de sa Sardigna si donet a lestru s’incumintzu a una Fase Costituente pro torrare a iscrìere s’Istatutu Sardu, oramai inadeguadu a sas esigèntzias de oe. Pro mèdiu de unu protzessu partetzipadu chi at a dèpere pònnere impare is tzitadinos in s’annoamentu da sa Carta Fundamentale de is sardos, at a èssere netzessàriu torrare a definire is raportos cun s’Istadu italianu e ammanniare is cumpetèntzias de s’Ìsula in tema de fiscalidade, istrutzione, energia, welfare e benes culturales. Un’Istatutu chi donet dignidade a su Pòpulu sardu, fundadu a pitzus de tres printzìpios non renuntziàbiles:

  • su reconnoschimentu de sa Natzione Sarda;
  • sa co-ufitzialidade de sa limba sarda e de is àteras limbas de Sardigna;
  • su deretu a seberare (autodeterminatzione natzionale).
  • Pro custu obietivu istòricu, Progetu Repùblica de Sardigna cumbidat is rapresentantes de is Partidos Natzionales (autonomistas, soberanistas e indipendentistas) e is intelletuales isulanos pro sa pianificatzione de unu percursu partetzipadu pro torrare a iscrìere s’Istatutu de sa Sardigna, de manera chi dae cada giassu de s’Ìsula lompat fintzas a su Cussìgiu Regionale sa boluntade de unu cursu polìticu, sotziale e econòmicu nou de sa Natzione Sarda.

70 anni e si vedono tutti.

La classe politica unionista ha recentemente dedicato una serie di iniziative volte alla celebrazione dei 70 anni della Carta dei sardi. La più eclatante, in termini negativi ovviamente, è la “seduta solenne” che ha avuto luogo nel Parlamento sardo e che ha visto la presenza del Presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, ossequiosamente accolto dal presidente del Consiglio regionale Ganau, dal Presidente della Regione Pigliaru e dal Sindaco di Cagliari.

La presenza della massima carica istituzionale italiana nel contesto di questa ricorrenza, ma sarebbe più corretto usare la parola “commemorazione”, non è certamente casuale: serve a confermare, anche a livello simbolico, l’ambito entro il quale l’autonomia sarda può operare.

Il programma messo in atto non lascia adito a dubbi, si passa dall’incontro del Capo dello Stato con gli ex Presidenti del Consiglio della RAS, all’Inno d’Italia eseguito dal coro degli alunni della scuola di Villasor, per chiudere con una nota di folklore etnico del Coro di Nùgoro che ha intonato il brano “Procurade ‘e moderare”.

Il messaggio per noi sardi e le nostre istituzioni è molto chiaro: siamo e saremo indissolubilmente legati allo Stato Italiano, questa autonomia posticcia e fallita sarà il massimo a cui la Sardegna e il popolo sardo potranno mai aspirare.

Spiace constatare che anche tra l’indipendentismo vi sono posizioni conservatrici che ingenuamente e in buona fede ritengono che il problema dell’attuale Statuto è che non è mai stato utilizzato a dovere, una posizione peraltro sostenuta anche dai partiti italiani.

Purtroppo non è così, lo statuto sardo esplicita molto bene, già dai primi tre articoli, a quali interessi è subordinata la nostra nazione; le scelte più giuste per il nostro futuro non possono essere in contrasto con la supremazia dell’interesse nazionale italiano, ciò significa che con l’attuale Carta non potremo mai fare nostre le competenze in tema di fiscalità, istruzione, energia, welfare e beni culturali.

Fiscalità, istruzione, energia, welfare e beni culturali

Progetu Repùblica ha una visione innovatrice e riformista per la nostra terra, siamo fermamente convinti che il compito della politica sia quello di mettere in atto processi in grado trasformare la società e ciò sarà possibile farlo solo ridefinendo i rapporti che intercorrono tra lo Stato italiano e la nazione sarda, attraverso una riscrittura della Carta dei diritti e dei doveri.

Come partito da sempre auspichiamo un atto di responsabilità nazionale fra tutti i soggetti politici indipendentisti e autonomisti, così come dagli intellettuali isolani e da tutti i cittadini sardi.

Cambiare lo Statuto per cambiare la Sardegna deve essere il nostro obiettivo storico, la strada comune verso la piena emancipazione politica, economica e sociale del popolo sardo.

+ CONVEGNO DEL 2017 SULLA RISCRITTURA DELLO STATUTO, CON SOLINAS

Progetu Repùblica de Sardigna (ProgReS)