Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bisfobia e la transfobia

Oggi, 17 maggio, è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

A 31 anni dal 17 maggio 1990 giorno in cui l’Organizzazione Mondiale per la Sanità rimuoveva l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali, le cronache dei giornali sono ancora ricche di fatti più o meno violenti nei confronti di persone che manifestano un orientamento non eterosessuale. Tali persone ogni giorno sperimentano sulla propria pelle il peso della discriminazione verbale e fisica, l’odio, la violenza e l’ignoranza, che nel caso dei giovani e giovanissimi emotivamente fragili può anche essere fatale. Come tutto il resto del mondo, la Sardegna non è esente da questi fenomeni.

La strada da percorrere per il riconoscimento di pari diritti e pari dignità è ancora lunga e piena di ostacoli, e questo è dimostrato dal dibattito acceso e talvolta violento che nello Stato italiano si sta manifestando intorno al DDL Zan.

Noi di ProgReS – Progetu Republica riteniamo che le discriminazioni di genere – così come quelle etniche, culturali e sociali – siano fonte di violenza e rappresentino un fattore limitante rispetto alla crescita morale e sociale della nostra terra. ProgReS lavora fin dalla sua nascita per la realizzazione di una Repubblica di Sardegna indipendente e democratica, culturalmente aperta, socialmente inclusiva e profondamente antirazzista in cui le differenze rappresentino una ricchezza e mai un limite.