Progetu Repùblica de Sardigna - ProgReS - Eletziones Europeas

Progetu Repùblica sostiene la lista Ahora Repúblicas e chiede ai disterrati sardi di votarla

+ IN SARDU

Progetu Repùblica si identifica nei colori di AhoraRepúblicas, un accordo transnazionale tra repubblicani: solidarietà e internazionalismo

Chiediamo alle sarde e ai sardi emigrati nello Stato spagnolo di sostenere e votare la lista unitaria degli indipendentisti repubblicani catalani, baschi e galiziani.

È semplice e naturale per Progetu Repùblica identificarsi e riconoscersi nel manifesto politico, nei riferimenti culturali e nei colori scelti dalla coalizione indipendentista e lista unitaria repubblicana che vede assieme i catalani di Esquerra, i baschi di EH Bildu e i galiziani del BNG assieme ad altre forze politiche espressione delle nazioni senza Stato attualmente comprese nel Regno di Spagna.

Molti mesi fa il prigioniero politico ed ex ministro degli esteri del Governo catalano Raül Romeva ha fatto recapitare al primo ministro spagnolo, il socialista Pedro Sánchez, un suo libro sul conflitto bosniaco. La dedica includeva una vignetta autoritratto in cui è visibile lo stesso Romeva dietro le sbarre del carcere spagnolo con in mano un fiore di dialogo e di pace.

Da quel fiore prende ispirazione la comunicazione elettorale di Ahora Repúblicas illustrata a livello politico e iconografico nel testo di presentazione che pubblichiamo a fondo pagina.

Nei colori di quei fiori, come vedremo, ogni nazione rintraccia la propria simbologia.

Dal canto nostro vediamo in particolare nel fiore verde il rimando ai colori della nostra bandiera nazionale dell’Albero eradicato giudicale, simbolo della nostra sovranità statuale perduta.

Progetu Repùblica ha già avuto modo di stigmatizzare la politica discriminatoria dello Stato italiano nei confronti dei sardi per quanto riguarda la legge elettorale per le elezioni europee che non consente alla nazione sarda di eleggere direttamente propri eurodeputati.

Convintamente internazionalista e repubblicano, Progetu Repùblica supporta la lista Ahora Repúblicas, un patto transnazionale per la rappresentanza unitaria in sede europea di vari popoli e nazioni senza Stato, che vede candidati tra le proprie fila anche i leader indipendentisti catalani attualmente in carcere come Oriol Junqueras i quali porteranno al cuore dell’Europa la vergogna antidemocratica del Regno di Spagna.

In questa dinamica il mondo dell’emigrazione sarda, le migliaia di disterrati sardi residenti nello Stato spagnolo, possono giocare un ruolo di prima fila votando e sostenendo il laboratorio politico di Ahora Repúblicas.

Progetu Repùblica si unisce con entusiasmo alla primavera repubblicana delle nazioni senza Stato, contro la repressione, per il diritto a decidere.

Progetu Repùblica de Sardigna

APPROFONDIMENTO

Ahora Repúblicas si descrive

La lista Ahora Repúblicas è costituita dalla coalizione tra Esquerra Republicana de Catalunya, EH Bildu e Bloque Nacionalista Galego in occasione delle elezioni per il Parlamento Europeo 2019.

Ahora Repúblicas, che riunisce i partiti repubblicani di Catalogna, Paesi Baschi e Galizia, parla a tutte le persone repubblicane dello Stato spagnolo e, non potrebbe essere altrimenti, fa appello alla Madrid storicamente repubblicana affinché sia protagonista nella difesa della democrazia e dei diritti civili, sociali e politici.

Fiori viola, gialli, rossi, verdi e azzurri. La primavera repubblicana arriva dalla mano di Ahora Repúblicas. Con questo simbolo la coalizione impugna i colori repubblicani e indica che le repubbliche porteranno colore laddove troviamo il nero e il grigio del regime del 1978 del Regno di Spagna.

In questo modo Ahora Repúblicas invoca la costruzione di nuovi Paesi con il viola, il giallo e il rosso della República, assieme al viola femminista, al rosso della giustizia sociale, al verde della sostenibilità ambientale o l’azzurro della trasparenza. Colori che inoltre rappresentano le tradizioni dei partiti che fanno parte di questa unità repubblicana: Esquerra, EH Bildu e BNG. Nazioni unite sotto la stessa lotta: quella per l’indipendenza e per la giustizia sociale.

Progetu Repùblica de Sardigna - ProgReS - Eletziones Europeas

Sono fiori che danno anche speranza, come quelli disegnati da Raül Romeva nella sua cella oltre un anno fa. Una speranza che vogliamo guidare a partire da questa unità repubblicana, guardando al futuro con la fiducia di coloro che hanno come obiettivo la costruzione di un Paese migliore, più giusto e più libero, in armonia con tutti i popoli.

“Vogliamo essere la candidatura di tutti i repubblicani di Catalogna, Euskal Herria e Galizia, dell’insieme dei Paesi Catalani, ma anche di tutti i popoli dello Stato spagnolo”, ha affermato Diana Riba, candidata di Esquerra e compagna di Romeva, sottolineando la fratellanza repubblicana.

In sostanza, repressione o repubblica. Ispirati da questo concetto, vogliamo rappresentare il contrasto tra quel che sono le repubbliche e ciò che è lo Stato spagnolo.

Le repubbliche non vanno contro niente e contro nessuno, ma perseguono l’idea di avanzare e di lasciarsi alle spalle il regime del 1978, corrotto, costruito sulle rovine del franchismo, nel quale comandano le élite e gli oligopoli a danno delle persone, che reprime, che sacralizza la Costituzione ma viola tutti i diritti che questa contiene, che si oppone alle politiche ecologiste e che vede una crescita dell’estrema destra, che banalizza il maschilismo, con la complicità e la connivenza di certa sinistra. Al contrario le repubbliche che stiamo costruendo sono fatte di urne elettorali, democrazia, economia sociale, trasparenza, ecologia, femminismo, memoria storica e diritti sociali. In sostanza, progresso.

Ahora Repúblicas

Progetu Repùblica de Sardigna (ProgReS)